Prosthetically guided implant surgery

I protocolli di implantologia guidata, se correttamente applicati, possono aiutare il team protesico a semplificare le procedure che vanno dalla fase diagnostica fino alla realizzazione del restauro protesico finale.

La valutazione delle informazioni tridimensionali ottenute con la tomografia computerizzata ed elaborate grazie agli attuali programmi di progettazione implantare, permette di simulare accuratamente le fasi chirurgiche e protesiche.

Grazie ad una accurata pianificazione virtuale si possono conseguire, dal punto di vista prettamente protesico, i seguenti obiettivi:

  • Scegliere i siti implantari prima dell’intervento chirurgico basandosi sulla quantità e qualità dell’osso, sull’esatta posizione delle strutture anatomiche da rispettare (nervi, vasi, seni) e su valutazioni protesiche ed estetiche.
  • Pianificare virtualmente impianti ed abutments in base alla posizione desiderata del restauro protesico.
  • Predeterminare il tragitto di inserzione della protesi, l’alloggio per le viti protesiche, lo spazio per la componentistica, il tipo di protesi (cementata, avvitata direttamente, avvitata indirettamente).
  • Ottenere in maniera più predicibile i migliori risultati clinici, specialmente per quanto riguarda gli aspetti estetici.
  • Disporre al momento della chirurgia di un provvisorio preconfezionato basato sulla posizione predeterminata degli impianti: il provvisorio può essere facilmente adattato in bocca per ottenere una protesi a carico immediato funzionale ed estetica.

Categorie: Approfondimenti